Login Form

STATUTO

PDFStampaE-mail

 

Art. 1
Art. 2 Finalità dell’Associazione
Art. 3 Soci
Art. 4 Soci ordinari
Art. 5 Soci sostenitori
Art. 6 Soci onorari
Art. 7 Soci fondatori
Art. 8 Soci aderenti
Art. 9 Doveri e diritti dei Soci
Art. 10 Decadenza
Art. 11 Organi sociali
Art. 12 L'Assemblea
Art. 13 Il Comitato Tecnico Scientifico
Art. 14 Presidente Onorario
Art. 15 Compiti del Presidente
Art. 16 Il Consiglio Tecnico Scientifico
Art. 17 Proprietà e proventi
Art. 18 Anno sociale
Art 19 Biblioteca e sito internet
Art. 20 Rapporti e cooperazioni

 

Art. 1

È costituita l’Unione Italiana del Disegno (U.I.D.)  

 

Art. 2 Finalità dell’Associazione

L'Unione è una associazione scientifica e culturale senza fini di lucro, che persegue i seguenti obiettivi:
a) sviluppare, promuovere, coordinare l'attività della ricerca scientifica nel settore del Disegno (oggi ICAR 17);
b) promuovere il coordinamento e lo sviluppo dell'attività didattica delle discipline del Disegno, sulla scorta delle innovazioni scientifiche anche attraverso apporti  pluridisciplinari.
L'Unione attua i predetti scopi organizzando, promuovendo e patrocinando convegni, seminari di studio, commissioni e gruppi di ricerca e di studio, concorsi e borse di studio, pubblicazioni, autonomamente ed in collaborazione con Enti, Istituzioni e Società scientifiche ed altre Associazioni culturali, italiane ed estere. In particolare, l'UID promuove e coordina ricerche di carattere teorico e applicativo in tutte le tematiche inerenti il Disegno nelle sue molteplici eccezioni, le diverse metodologie del rilevamento, i metodi di rappresentazione, la modellazione informatica, la grafica e la cartografia, viste anche nel loro sviluppo storico.

 

Art. 3 Soci

I soci dell’Unione si distinguono in:
l) soci ordinari
2) soci sostenitori
3) soci onorari
4) soci fondatori
5) soci aderenti

 

Art. 4 Soci ordinari

Soci ordinari possono essere tutti i docenti di ruolo e già di ruolo del settore disciplinare del Disegno, per essi l'iscrizione avviene con una semplice domanda scritta.
Soci ordinari possono essere anche studiosi che si siano distinti nelle tematiche del Disegno, questi possono iscriversi all'UID mediante domanda sottoscritta e sostenuta da due soci ordinari e previo parere favorevole del Comitato Tecnico Scientifico.

 

Art. 5 Soci sostenitori

Soci sostenitori possono essere Istituzioni scientifiche, Società, Enti pubblici o privati, Istituzioni ed Associazioni culturali e professionali.
L’iscrizione avviene su domanda e su parere favorevole del Comitato Tecnico Scientifico.
Per i soci sostenitori, la quota di iscrizione è maggiorata almeno del 100% rispetto a quella dei soci ordinari. Gli Istituti, Società o Enti sono rappresentati in seno all’assemblea dal loro rappresentante giuridico o da persona da esso delegata.

 

Art. 6 Soci onorari

 Possono essere chiamati a far parte – a titolo gratuito - dell'Unione in qualità di Soci onorari, esponenti del mondo culturale e professionale, italiani e stranieri, che si siano particolarmente distinti nell’ambito disciplinare del Disegno. La proposta è avanzata dal Presidente o da almeno sette soci ordinari. La proposta stessa deve essere approvata da almeno i 2/3 degli aventi diritto del CTS.

 

Art. 7 Soci fondatori

Sono i soci che hanno sottoscritto l’atto di fondazione dell’UID. I soci fondatori sono membri di diritto del CTS.

 

Art. 8 Soci aderenti

Possono ottenere l'iscrizione come soci aderenti persone che non rientrino nelle categorie precedenti e che siano anche semplici cultori delle discipline dell' area del Disegno.
L'iscrizione avviene a domanda dell'interessato e su parere favorevole del CIS.
I Dottori di Ricerca, i Dottorandi, i Borsisti, gli iscritti ai Master di primo e secondo livello delle Facoltà di Architettura, di Ingegneria e di tutte le facoltà in cui sono presenti discipline del SSD possono ottenere l 'iscrizione quali soci aderenti; la loro domanda - sulla quale si pronuncerà il CTS - dovrà essere presentata da un docente dei relativi percorsi formativi, che sia socio dell'Unione. I soci aderenti potranno fruire di una quota di adesione ridotta.

 

Art. 9 Doveri e diritti dei Soci

Ciascun socio si impegna, con la richiesta di iscrizione, a partecipare alle attività dell'associazione e collabora al raggiungimento dei fini dell 'Unione. Ciascun socio, altresì, ha diritto ad un informazione costante sulle attività dell '
Unione.

 

Art. 10 Decadenza

Si può decadere dalla qualità di socio per morosità o per attività contrastanti i fini sociali.
La decadenza deve essere determinata e pronunciata dal CTS a maggioranza semplice dei voti.

 

Art. 11 Organi sociali

Gli organi sociali dell'Unione sono:

- Il Presidente
- L'Assemblea dei Soci
- Il Comitato Tecnico Scientzifico
- I Probiviri

 

Art. 12 L'Assemblea

L'Assemblea dei soci si riunisce istituzionalmente almeno un volta l'anno su convocazione del Presidente, nella Sede sociale o in altra sede designata. L'Assemblea è convocata - nei modi previsti dalla legge o per invio telematico con conferma di lettura o mediante avviso spedito a ciascun socio -  almeno quindici giorni prima della data fissata per l'adunanza.
L'Assemblea può essere convocata in forma straordinaria in qualsiasi periodo dal Presidente o da almeno un quarto dei soci che ne facciano richiesta scritta e motivata.
Dell 'Assemblea fanno parte con diritto di voto i soci ordinari, i soci sostenitori, i soci onorari ed i soci fondatori , purché siano in regola con i pagamenti, se dovuti.
All ' Assemblea, altresì, partecipano, senza diritto di voto, i soci aderenti, sempre che siano in regola con i pagamenti.
Per la partecipazione all'assemblea ogni socio può delegare, il proprio voto ad un socio ordinario. Ogni socio ordinario non può ricevere più di due deleghe. Le norme per il funzionamento dell'Assemblea in assenza di uno specifico regolamento sono quelle di tutte le assemblee societarie Compiti dell’Assemblea sono:
- discutere le relazioni del Presidente e darne o meno approvazione;

- studiare e approvare i programmi di attività dell' Unione;
- eleggere i  membri del Comitato Tecnico Scientifico secondo quanto previsto dall' articolo 13;
- eleggere il Comitato dei probiviri nella misura di tre membri effettivi e due supplenti;
- approvare i bilanci preventivi e consuntivi;
- apportare modifiche allo statuto ed al regolamento.

Le adunanze dell' Assemblea sono valide quando sia rappresentata la metà dei soci più uno le stesse adunanze deliberano validamente con la maggioranza degli intervenuti.


Art. 13 Il Comitato Tecnico Scientifico

Il Comitato Tecnico Scientifico viene costituito tra i soci ordinari ed è composto da venti membri. Esso viene eletto mediante voto dei soci; ciascun socio ordinario esprime un numero massimo di preferenze pari a quello degli eleggibili. Ciascun socio ordinario, per la votazione dei membri del CTS, non può ricevere più di una delega. Fanno parte a pieno diritto del suddetto organo i soci fondatori e il segretario.
Il CTS elegge tra tutti i suoi componenti il Presidente e il Vicepresidente al quale competono le funzioni del Presidente in caso di suo impedimento, lo stesso Vicepresidente può svolgere altre funzioni che il presidente intenda delegargli.
Il CTS elegge il Segretario fra i soci ordinari, il Segretario fa parte del CTS qualora non ne faccia già parte per diritto; egli ha il compito di redigere il verbale delle sedute, nonché svolgere altre funzioni su delega del Presidente.
Il CTS tra i suoi membri elegge l'Amministratore Tesoriere, al quale competono gli atti amministrativi, la responsabilità del patrimonio e la predisposizione del bilancio da sottoporre per l'adozione al CTS e per l'approvazione all'Assemblea dei soci.
Fanno parte del CTS il Presidente Onorario di cui all'articolo 14 ed il Presidente ultimo uscito dalla carica.
Il Consiglio può nominare gruppi di studio su specifici problemi, in tali gruppi possono essere chiamati docenti anche stranieri.
Il CTS elegge al suo interno una giunta esecutiva cui compete la gestione ordinaria dell'Associazione; essa è composta da cinque membri, oltre al Presidente, Vicepresidente e Segretario.
Nelle votazioni sia del CTS che dell' Assemblea, in caso di parità, prevale il voto del Presidente.
Il CTS, il Presidente e tutte le altre cariche hanno una durata di un triennio.


Art. 14 Presidente Onorario

Il Consiglio Tecnico Scientifico può nominare un socio ordinario, che si sia reso eminentemente benemerito per l'attuazione dei fini dell'UID, Presidente Onorario. La nomina è a vita.

 

Art. 15 Compiti del Presidente

Il Presidente ha la firma sociale e rappresenta l'Unione. Egli svolge le seguenti funzioni:

l) rappresenta legalmente l'Unione di fronte a terzi e in giudizio, coordina l'attività a livello nazionale e intemazionale sulla scorta delle linee tracciate dal CTS.
2) promuove attività di studio e di ricerca concementi l'attuazione dei fini sociali, stipulando contratti e convenzioni (approvati dal CTS) con Istituzioni, statali e non, e con altri Enti;
3) indice e presiede le adunanze del Consiglio Tecnico Scientifico; convoca, prepara ed illustra le relazioni biennali sull'attività dell 'Unione;
4) è il direttore dell'organo di stampa dell 'UID nel rispetto della legge sull'editoria.

Nello svolgimento delle sue funzioni il Presidente è coadiuvato dal CTS e dal Segretario.


Art. 16 Il Consiglio Tecnico Scientifico

Il Consiglio Tecnico Scientifico:

  • esegue i deliberati dell' Assemblea e le line guida da essa tracciate;
  • promuove e dirige l' attività generale dell 'Unione;
  • nomina i delegati delle Facoltà;
  • stabilisce la quota di Iscrizione all 'Unione;
  • decide circa le domande di iscrizione all'associazione;
  • fissa la sede legale e la sede operativa dell' associazione;
  • decide il luogo dove si svolge l'assemblea annuale;
  • adotta il bilancio preventivo e consuntivo dell 'Unione, demandando al Presidente e al Tesoriere - ove occorra - l'adempimento di quanto previsto dalla legge, per la sua presentazione agli Uffici competenti.

 

Art. 17 Proprietà e proventi

Qualora l'UID acquisisca beni mobili o immobili, essi sono descritti in apposito inventario a cura dell' Amministratore-tesoriere.

L’U.I.D. dispone delle seguenti entrate:
a) gli eventuali contributi dello Stato e delle Regioni;
b) le contribuzioni dei soci;
c) le eventuali entrate derivanti dalla vendita di iniziative editoriali;
d) le oblazioni di privati e di enti pubblici o privati;
e) le eventuali prestazioni convenzionate con Enti ed Istituzioni pubbliche o private.
f) eventuali sponsorizzazioni.

 

Art. 18 Anno sociale

L'anno sociale, anche nei riguardi finanziari, coincide con l'anno solare. Il bilancio consuntivo di ogni anno, insieme con la relazione dei probiviri, sarà pubblicato sul sito web dell'Associazione

 

Art. 19 Biblioteca e sito internet

L'UID dispone di un patrimonio librario costituito dalle pubblicazioni donate degli iscritti all'associazione, tale patrimonio su deliberà del CTS è depositato presso un Dipartimento Universitario che ne curerà l'archiviazione, esso sarà consultabile dai soci che ne faranno richiesta. L'associazione curerà con periodici aggiornamenti il sito Web dell' UID che costituirà il principale mezzo di comunicazione con i soci e con il pubblico. Il sito sarà organizzato secondo i criteri e le modalità fissati dal CTS.

 

Art. 20 Rapporti e cooperazioni

L'Unione promuove e mantiene rapporti di collaborazione con Istituzioni scientifiche nazionali ed estere (C.N.R., ecc.), con organizzazioni professionali nazionali ed internazionali, che operano in ambiti disciplinari affini o similari.

 

News Convegni Riconoscimenti UID Iscriversi alla UID